Luisa Beautyland

    Marilyn Monroe una diva senza tempo

    Nella notte tra il 4 e il 5 agosto 1962, moriva misteriosamente all’età di 36 anni, Marilyn Monroe.
    Nonostante siano passati 60 anni, il mito di Norma Jeane Mortenson Baker (il suo vero nome), non è mai cessato. Nata a Los Angeles il primo giugno 1926, ha avuto tre mariti e ha girato 31 pellicole.
    La sua infanzia non fu delle più idilliache, la trascorse tra orfanotrofi e case famiglia, con una madre schizofrenica e un padre mai conosciuto. Iniziò la sua carriera da fotomodella e nel 1946 ebbe il suo primo contratto cinematografico con alcune parti secondarie. Qualche anno dopo fu consacrata come “celebrity” per i film “Niagara” e “Gli uomini preferiscono le bionde”.

    Foto da Wikipedia.

    Nel 1959 vinse il Golden Globe come “migliore attrice di commedia o musicale” con il film: “A qualcuno piace caldo”. La sua carriera come cantante, invece, non decollò mai, le sue canzoni erano limitate a quelle interpretate nei suoi film. I suoi fallimenti sentimentali e la sua instabilità psicofisica, non le permisero di portare a termine una gravidanza da lei tanto desiderata. Un circolo vizioso che la spingeva a fare uso di alcol e barbiturici, dai quali era sempre più dipendente. Solo il ricovero in qualche clinica poteva apparentemente aiutarla a disintossicarsi.

    Questa statua di Marilyn, alta otto metri, ispirata alla celebre scena di un suo film, si trova davanti al Palm Springs Art Museum.

    Il 19 maggio 1962 fu uno dei momenti più celebri e memorabili della sua breve vita. Al Madison Square Garden, con una platea di 15 mila persone, si esibì cantando “Happy Birthday, Mr. President” al 45° com- pleanno del più giovane presidente degli Stati Uniti: John Fitzgerald Kennedy. Quando terminò l’esibizione, lui la ringraziò e le disse: “Adesso, dopo aver ascoltato degli auguri così dolci, posso anche ritirarmi dalla politica”. L’abito a sirena, che indossò quella sera, era di chiffon di seta color cipria, tem- pestato da 2500 cristalli cuciti a mano, qualche anno fa, è stato battuto all’asta, per circa 5 milioni di dollari. Il 2 maggio scorso, Kim Kardashian ha avuto l’onore esclusivo di indossarlo al Met Gala a New York. Peccato che, nonostante sia dimagrita di ben sette chili per poterlo infilare, è riuscita a danneggiarlo e scucirlo. Le polemiche non si sono placate per parecchie settimane, il proprietario attuale aveva commentato il fatto, affermando di aver tenuto in conto che potesse accadere. In ogni caso, ne è valsa la pena, ora il valore stimato è di circa 10 milioni di dollari.

    La mia Barbie Marilyn, introvabile ovunque.

    La sua vita spezzata e la sua bellezza senza tempo l’hanno consacrata negli an- ni come una delle donne più d’ispirazione dell’era moderna. Ci ha colpito una delle sue frasi più celebri: “La felicità si trova dentro di noi, non al fianco di qualcuno.”
    Alla fine morì, dopo una vita fatta di eccessi, senza mai essersi goduta nulla: la felicità non l’aveva trovata neanche dentro di sé.

    Copyright @luisabeautyland

    Partecipa!

    Commenti

    Ancora nessun commento